Cerca
libera le tue energie tai chi chen taiji chen urbino pesaro
linea orizzontale
Il M° Matteo Palozzo ricercatore autentico della Via da Padova al Wudang, dal Wushu di Beijing fino al Parkoule un filo ininterrotto da esempio per tutti i giovani marzialisti che non si fermano alla esteriorità della forza
a cura di mArco Caporale


Ilntervista a sua insaputa con il M° Matteo Palozzo interno alla accademia Qing Feng Zi del Wudangshan per sei mesi poi all'Università di Wushu a Beijing per oltre un altro anno e mezzo, oggi studia cinese e pratica il Parkour (percorsi ..in francese) una disciplina moderna dalle radici antiche ...


"Maestro Marco! Mi hai ritrovato alla fine! A un certo punto in Cina la mia mail è morta e non c' è stato verso di ritrovare il tuo indirizzo. Ora come avrai capito sono in Italia, a seguito di un infortunio pesante ho dovuto lasciare l'università a Beijing dopo il primo anno accademico...ora sto cercando di riprendermi qui, più o meno. Poi si vedrà.
problemi alle caviglie: troppi colpi presi con tutta la pianta,
in ogni salto che si fa purtroppo i colpi sono inevitabili
per la struttura stessa del wushu moderno
25anni e 60kg non sono esattamente sovrappeso
la verità è che le ho sempre avute deboli, speravo tenessero di più
niente materassine, là si faceva sul tappeto
Adesso finisco l'università in lingue orientali, così almeno ho qualche certificazione utile"
-da quanto sei tornato e quanto sei stato in cina a parte nel wudangshan ..

"a Beijing in tutto un'anno e mezzo, e ormai è un anno e 3 mesi che sono tornato....
e le caviglie non stanno ancora esattamente
posso saltare molto, ma non più con lo stile del wushu
posso atterrare solo di avanpiede, ammortizzando bene, ma atterraggi che si ripercuotono sul tallone mai più ... loro sono miliardi se uno si rompe lo buttano ..
intanto ho "solo" sacche di liquido che premono tendini e legamenti che si riassorbono col tempo, dicono .. se ti rompi ti buttano via
tanto c' è di certo qualcun' altro migliore di te
in ogni caso, ora faccio qi gong da un annetto e le caviglie non fanno più male. Come ti dicevo, salto, e un sacco anche! Ginnastica acrobatica, parkour ecc sono le attività "esterne " che faccio ora. Solo che atterrare in mabu oppure con la pianta non lo posso più fare, quindi ciao ciao wushu. Non sempre si atterra di pianta, ma ci sono molti movimenti in cui devi atterrare per forza di pianta, anzi il più ricorrente nel chang quan, è sbattere pugno sul palmo e talloni a terra con più forza possibile e farlo 100 volte al giorno probabilmente ha stressato troppo le mie,
ora non lo posso più vedere nemmeno in foto".
-evidentemente quello che professano gli stili interni (la via di mezzo: zn-li spingere e tirare o power stretching) non viene utilizzato negli esterni..

" eh , l'ho notato...
lì è tutto portato all'estremo, al massimo, alla rottura
il che per carità, ci sta anche, ma bisogna equilibrarlo
anche a wudang ho fatto un sacco di roba esterna, e facevamo una preparazione fisica che a bj se la sognano, però mezza giornata era recupero con zhan zhuang e qi gong e lì eravamo sul cemento...
mai avuto un dolore!"
-strano che "il vuoto interno fa l'utilità del vaso" se lo stanno perdendo per strada con la competizione puramente yang occidentale! Con tutti i problemi psico-patologici che ne derivano..

"ah ma tu pensa che il mio insegnante di Pechino quasi non riusciva più a muoversi bene , a 37 anni!
Ed era stato un atleta top nel wushu moderno..
Semplicemente nel moderno funziona così dovunque. Ti sfido a trovarne uno sano ... ma questo non lo sapevo prima di andare
uno le deve pure fà le sue esperienze no?"
-Sai ieri sera guardando i combattimenti della MMA ho ringraziato il Padreterno di non essermi mai buttato in quelle gabbie .. ho visto atleti validissimi prendere tante di quelle legnate che se non muoiono nei prossimi mesi avranno sicuramente leso la propria funzionalità minimo quella cerebrale per il resto della loro vita!!!

"Mah, credo che quelli di MMA ne prendano meno dei boxeurs di una volta...però di certo a infortuni non sono messi meglio di nessun altro. E' il proplema degli sport in generale, spingi per qualcun altro e non per te, e finisci sempre spaccato
non credo esistano in generale grandi atleti che a 40 anni sono sani. "
- Il fatto che tu sia dovuto andare in cina a sputare sudore e sangue per un percorso che in Italia non ha mercato, e lo sta perdendo in tutti i paesi "industrializzati"; è una follia .. è il segno tangibile che l'Europa è un continente ormai morto; perché sai che da un completo sviluppo motorio deriva un completo sviluppo intellettivo: "mens sana in corpore sano"
e qui non si fa nulla per addestrare le nuove generazioni ma al contrario le si narcotizza con i videogiochi, poi con le droghe ed i giochi d'azzardo!

"vero. Sai una cosa positiva che si sta diffondendo in italia come disciplina di movimento è il parkour, mio fratello è un istruttore e devo dire che stanno facendo proprio un gran lavoro, raccolgono l'eredità dei marzialisti della vostra generazione come spirito, anche se la disciplina è diversa.
è solo la cattiva informazione dei giornali che fa credere che sia una disciplina puramente Yang
nel senso che in realtà il Parkuor è nato molto esterno, ma chi lo ha sviluppato con coscienza negli anni
ha visto che per sopravvivere bisognava integrarlo con un sacco di movimenti interni
ti stupiresti a vedere cosa riesce a fare un vero praticante, non quelli che vedi nei video di youtube
c' è un controllo, una pulizia, un'economicità, e paradossalmente, una sicurezza nei "maestri", che rende la disciplina davvero interessante per chi pratica anche arti marziali interne.."
(-ammesso che ancora ce la facciano aggiungo io .. dopo aver visto i video della sua scuola)
beh se ti limiti a fare i percorsi attrezzati in palestra in sicurezza sicuramente è bello.. ma poi ti viene la voglia di misurarti con ... è perdi il limite (come dice Messner) di quello che puoi fare da quello che non devi provare nemmeno!!! .. e finisci alla Patrick de Gayardon ..

"No no, non è così. Niente palestra, ma adattamento al terreno. Nessuno parte dai salti sui tetti
non ha niente a che fare con uno sport estremo .. davvero, è incredibile la cattiva pubblicità che ne ha fatto internet e i giornali alla quale ho sempre creduto anch'io per carità però ti dirò,
c' è davvero davvero del buono nel Parkour, credo che l'arrampicata libera sia molto più pericolosa
a wudang mi hanno detto che secondo loro si sposerebbe benissimo con le arti interne, prende l'eredità del qinggong di cui , mi dicevano, ormai anche loro hanno perso le tracce .."
-e cos'é il qinggong?

"letteralmente è il "lavoro sulla leggerezza", è una delle pratiche segrete per cui wudang era famoso, anche presente in molti film tra cui "la tigre e il dragone"... quello per cui il buon praticante era in grado di correre senza farsi sentire, fare salti enormi atterrando con leggerezza, che sembrava volasse, ecc
Quando gliene ho chisto, poichè ero molto curioso, mi dissero che ora nessuno lo sa più fare, ma forse tra qualche anno saranno i praticanti di parkour a "riscoprirlo"... è molto stimolante come cosa
Il Parkour, storpiatura di Parcour, percorso in francese,nacque apunto in francia negli anni 80, ma era la riedizione di molti metodi di movimento "primitivo" con lo spirito marziale di affrontare gli ostacoli del percorso come si farebbe con quelli della vita, e infine poter essere pių utile al prossimo infatti i primi a studiarlo furono i pompieri di parigi poi con internet vennero fuori dei video promozionali, e tutti iniziarono a farlo a caso...dando luogo anche a situazioni pericolose"
-E chi è il pioniere in Italia come punto di riferimento per i seguaci di questo stile?

"un ragazzo di bergamo di nome Federico Mazzoleni che cominciò nel 2005
questo č su come dovrebbe funzionare un vero allenamento di parkour!
è noiso, ma veritiero, sennò questo, fatto proprio dai nostri ragazzi di padova, mooolto bello
la nostra scuola di Padova
Alcuni di noi hanno deciso di intraprendere la strada dell'insegnamento, e da ottobre 2012 sarà possibile praticare questa disciplina attraverso un corso vero e proprio."

-Finalmente lui in persona in un video autoironico ...




Liu Jin Ping e Matteo Palozzo

Beijing 2009

Maestri: Li Kai Zong, io, Shi Chi e la Maestra Liu Jing Ping

tai chi pesaro urbino taiji tai qi

Mia esibizione su invito della maestra Liu Jin Ping
a far vedere le due forme Chen della scuola Yang Lin Sheng
ai suoi allievi presenti quella mattina al parco del tempio del cielo

Foto dello Yunnan a cura del M° Matteo Palozzo


Una sua foto che ha scattato in uno dei suoi soggiorni in cina